Articoli

Educazione ambientale e divertimento: l’estate con il centro estivo e il campo di volontariato

L’estate appena conclusa è stata ornata di tantissime attività educative, ludiche e sociali che hanno coinvolto 135 bambini  e ragazzi/e trai 4 e i 12 anni.

Sono state 8 settimane dove sono state affrontate numerose tematiche a partire dall’acqua e la sua importanza per la vita, al clima e le azioni necessarie per affrontare l’emergenza, passando per la città e l’importanza di un ecosistema urbano sano, arrivando poi al lavoro, tra tradizione e sostenibilità. Sono state affrontate le problematiche sulla tutela del suolo e della biodiversità, passando per il problema dell’inquinamento. Il tutto si è concluso con un viaggio lungo la catena alimentare e l’importanza di conoscere il cibo, la sua origine e la sua produzione.

Di seguito i diari di bordo delle settimane del Centro Estivo 2022:

Prima settimana_L’ACQUA: l’oro trasparente

Seconda settimana_IL CLIMA: siamo noi il cambiamento

Terza settimana_LA CITTÀ: ecosistema urbano

quarta settimana_ IL LAVORO: tradizione e sostenibilità

quinta settimana_TERRA MADRE: la tutela del suolo

sesta settimana_LA PLASTICA E L’INQUINAMENTO: l’eredità del futuro

settima settimana_LA BIODIVERSITÀ E GLI ECOSISTEMI

ottava settimana_LA CATENA ALIMENTARE

Un altro importantissimo progetto che ha colorato l’estate del Parco Bizzozero è stato il Campo di volontariato 2022, che ha visto il coinvolgimento di 14 ragazzi e ragazze tra i 14 e i 18 anni.

La settimana si è aperta all’insegna della conoscenza, conoscenza tra formatori e partecipanti e conoscenza dello spazio ospite, il Parco Bizzozero. La settimana ha poi proseguito alla scoperta degli ecosistemi, della loro complessità e salute, affrontando il tema della biodiversità e di come ogni cosa sia collegata, percorso che ci ha portato presso il giardino dell’Orto Botanico di Parma con la sua storia e le diverse funzioni che nel tempo ha assunto.

Molto importanti ed interessanti i due giorni dedicati al monitoraggio di acquae suolo, dove sono stati misurati i valori di nitrati e fosfati in diversi campioni d’acqua (tra cui quella del Torrente Parma) e misurate temperatura e pH del suolo verificandone la variabilità a differenza del tipo di area e vegetazione presente!

 

 

                                                                    

Molto costruttivo e divertente il diretto contatto con la campagna e la sperimentazione della cucina di casa a partire dal campo fino tavola grazie alla disponibilità della mitica Mimma che ci ha arricchito con tanti racconti sugli importanti cambiamenti che la campagna ha subito e continua a subire.

 

 

 

La settimana si è conclusa con uno scambio finale tra  i volontari, educatori e partecipanti al progetto e con un sentito “A presto!” 

Ringraziamo di cuore tutti/e volontari/e ed educatrici/educatori che hanno lavorato per realizzare ancora una volta un’esperienza divertente, formativa e davvero arricchente!

Al prossimo anno con nuove avventure!

Legambiente Parma sulle decisioni degli ultimi mesi sul territorio: Parma città “fast-food”?

Siamo molto preoccupati per le notizie riguardanti la città e il territorio parmense che si stanno accumulando negli ultimi mesi.

Le scelte di gestione e trasformazione della città sembra siano finalizzate soltanto ad un intenso sfruttamento con vantaggi economici temporanei ma con impatti a lungo termine.

Non vediamo nessuna lungimiranza nel progetto di restyling della Cittadella come parco-eventi, nello sfruttamento del Parco Ducale come parcheggio e passaggio della 1000 miglia, nel cercare di riaprire il cantiere di un ennesimo ed inutile centro commerciale, nella corsa alla costruzione dell’aeroporto cargo e nella legalizzazione di un abuso strutturale e ambientale come il Ponte Nord.

Le nostre preoccupazioni sono supportate e condivise dalla stessa cittadinanza e da molte altre realtà e associazioni del territorio ma ciò non sembra sufficiente all’amministrazione.
Non si tratta di mera opposizione ma di profonda preoccupazione.

Mancano chiarezza, trasparenza, una visione reale di futuro e rispetto verso il territorio e la popolazione.

Vorremmo ricordare all’amministrazione che stiamo parlando di “cosa pubblica” che rimarrà in eredità alla cittadinanza anche dopo il loro mandato.

È necessario smettere di usare termini come  “sostenibilità” e “green” come collutorio al mattino e agire realmente verso questa direzione.

O vogliamo davvero puntare ad una città fast-food?

L’abbattimento di 42 pioppi al Cavagnari, per far posto a 109 automobili, figlio di una povertà culturale

Legambiente esprime la sua amarezza per l’abbattimento dei 42 pioppi in via Spezia, nell’area del Centro Cavagnari. Purtroppo le segnalazioni all’associazione sono arrivate troppo tardi e, a differenza di quanto avvenuto recentemente per i filari di cachi, e per altre situazioni puntuali in cortili e aree private, non vi è stato nulla da fare per salvarli. Continua a leggere

Festa dell’Albero & Festa d’Autunno

Torna anche per il 2016 la Festa dell’Albero con tante iniziative organizzate da Legambiente. Gli alberi, i nostri amici più preziosi in natura, ci proteggono dall’inquinamento atmosferico e acustico, contribuiscono a mitigare gli effetti dei mutamenti climatici, riducono il pericolo di frane e smottamenti, rendono unici i nostri paesaggi, ci regalano ombra, frutti e legno.
In particolare l’edizione di quest’anno è dedicata al fenomeno preoccupante del consumo di suolo. Continua a leggere

Sviluppo aeroporto: per ora certezza solo su disagi e impatto ambientale

Le uniche certezze riguardo al progetto del nuovo aeroporto sono l’impatto ambientale, per il consumo di suolo e l’aumento dell’inquinamento, e le conseguenze per la salute dei cittadini a causa del rumore notturno. Legambiente esprime tutta la sua diffidenza per il cambiamento della vocazione aeroportuale, da passeggeri a cargo, e per le modalità arroganti con cui lo si vorrebbe imporre alla cittadinanza, complice l’acquiescenza o il silenzio della politica, e annota i dubbi principali. Continua a leggere

“Salvare l’Italia dall’asfalto e dal cemento” – incontro pubblico

Lunedì 23 marzo ore 20.45 a Parma, sala civica Bizzozero, incontro pubblico “Salvare l’Italia dall’asfalto e dal cemento” organizzato da ALF (Associazione Lesignano Futura) con Domenico Finiguerra autore di “8Mq al secondo”.
Legambiente aderisce all’iniziativa.

Continua a leggere