Restringimento alveo torrente Parma e rischio di esondazioni.
I dubbi di Legambiente sui movimenti terra sotto il nuovo ponte nord

22/02/2012 - Comunicato stampa

Nei giorni scorsi, a valle del nuovo Ponte Nord, nei pressi di Via Europa, vi è stato una grossa movimentazione di terra e ghiaia, con la realizzazione di nuove sponde e un consistente restringimento dell'alveo del torrente Parma. (Il tutto è documentato dalle foto in allegato).

Il timore di Legambiente è che nei prossimi giorni, in occasione del disgelo, possa verificarsi un evento di piena che eroda facilmente queste nuove sponde create tramite accumuli e che tale materiale venga trascinato a valle, con rischio di effetto tappo ed esondazione con conseguenze più pesanti di quanto avvenuto nelle ultime piene due anni fa. Ricordiamo che a valle sussistono le strutture della Ca' Rossa, impianti sportivi su ambo le sponde e poi il quartiere di Moletolo.

A parte il rischio idraulico, l'associazione ambientalista ritiene comunque negativa la canalizzazione forzata del torrente, seppur per un breve tratto e in contesto urbano.

Legambiente chiede se Aipo, il Comune e la Provincia siano a conoscenza della realizzazione di queste nuove sponde, e in caso le abbiano autorizzate, se possono rendere noti i motivi. Inoltre Legambiente chiede agli enti preposti se ritengano che tali sponde siano atte a garantire la sicurezza idraulica.

 

[Indice notizie]  -  [Indice comunicati]  -  [Appuntamenti]