Premi Legambiente

Introduzione

Legambiente Parma assegna, in autunno, dei premi simbolici a enti pubblici e soggetti privati che si sono distinti in positivo e in negativo, sull'ambiente, nel corso degli ultimi 12 mesi. Vengono assegnati il cigno d'oro, cigno d'argento e cigno di bronzo alle tre innovazioni positive, concretamente realizzate (e non semplicemente annunciate o firme di protocolli), e, di converso, viene conferita una macchia nera al comportamento ambientale più dannoso.

Nel 2010 l'assemblea dei soci ha limitato a uno solo il premio in positivo e ha introdotto un'altra sezione, il campanello d'allarme, per mettere sull'avviso dai comportamenti a rischio.

Premi 2010

Legambiente assegna il Cigno d'Oro 2010
al Coordinamento Niente Voragini

per aver condotto, con caparbietà e stile, una lotta di alto valore civico per contrastare la nefandezza dei parcheggi interrati in centro storico ottenendo la cancellazione del silos in piazzale Salvo D'Acquisto

Legambiente assegna la Macchia Nera 2010
al Comune di Parma

per la scadente gestione del verde in città: ripetuti ed eccessivi e ripetuti tagli di alberi con compensazioni mancate o fuori luogo, aree verdi sempre più sacrificate a favore di opere edificatorie di scarsa o nulla utilità, nuovo regolamento del verde già carta straccia dopo sei mesi, contravvenzione palese alla Carta di Firenze e di altri regolamenti per tenere la stagione di concerti nel Parco Ducale; mancati controlli nella manutenzione del verde pubblico.

Legambiente assegna il campanello d'allarme 2010
ai presidenti delle Comunità Montane Est e Ovest

per la pratica sempre più invasiva del motocross e del rally in sentieri, carraie e fuoristrada in montagna, nei boschi e sui crinali. Una pratica da regolamentare in appositi circuiti o zone predisposte, vietando le gare notturne o i percorsi su terreni franosi e vigilando in modo più stringente sui fuoripista della domenica.

Premi 2009

Legambiente assegna il cigno d'oro 2009
all'Istituto Tecnico Agrario “F. Bocchialini”

per la tutela dell'ambiente naturale grazie alla realizzazione del censimento del verde scolastico a Parma: in 30 scuole su un totale di superfici esterne pari a 133.665 mq sono a prato 73.935 mq che ospitano 1.098 alberi.

Legambiente assegna il cigno d'argento 2009
al Comune di Colorno

per l'innovazione nella riduzione dei rifiuti con l'introduzione dei pannolini riutilizzabili nell’asilo nido comunale e incentivi alle famiglie che li utilizzano a casa.

Legambiente assegna il cigno di bronzo 2009
al Comune di Trecasali

per la più alta raccolta differenziata in provincia, a 81% abbinata alla minor produzione di rifiuti procapite nel 2008

Legambiente assegna la macchia nera 2009
alla S.P.E. Società Parmense Elettricità srl

per aver iniziato abusivamente la costruzione di una centrale idroelettrica sul torrente Cedra in località Selvanizza, nel Comune di Palanzano.

Parma, 26 settembre 2009

Premi 2008

Legambiente assegna il cigno d'oro 2008
all'Azienda P. Torelli, Botteghino (Parma)

per impianto fotovoltaico di 672 pannelli solari su 2.900 m2, per una potenza di 100,8 kw. Secondo impianto per dimensioni dell'Emilia-Romagna.

Legambiente assegna il cigno d'argento 2008
al Comune di Soragna

per Fontebona, prima fontana pubblica che eroga gratuitamente acqua minerale liscia e frizzante, con il duplice obiettivo di riduzione dei rifiuti e valorizzazione acqua pubblica.

Legambiente assegna il cigno di bronzo 2008
al Comune di Collecchio

per asilo nido e scuola infanzia “M. Montessori”, costruita secondo i canoni della bioarchitettura, certificata Klimahouse.

Legambiente assegna la macchia nera 2008
a Enìa (e Conferenza dei servizi provinciale)

per approvazione del termovalorizzatore con capacità di 130.000 tonnellate, sproporzionato rispetto alle esigenze del territorio.

Parma, 26 settembre 2008