“C’è qualcosa che non va!” A Baganzola presentazione delle Osservazioni all’ampliamento dell’aeroporto

Legambiente, assieme a WWF e ADA (Associazione Donne Ambientaliste), organizza lunedì sera , 10 dicembre alle ore 21, al salone teatro parrocchiale di Baganzola, un’assemblea pubblica per presentare le Osservazioni all’Ampliamento dell’aeroporto Verdi. Per l’occasione sarà presente il direttore nazionale di Legambiente, Giorgio Zampetti. Continua a leggere

Nuovo Tesseramento Legambiente 2019!

Trentanove anni di lotte per proteggere l’ambiente e promuovere il territorio senza fermarci davanti a niente.

Per continuare ad essere NOI abbiamo bisogno di TE!

Unisciti a noi!

  • Socio JUNIOR (€ 10,00). Nati dal 2005 in poi
  • Socio GIOVANE (€ 15,00). Nati dal 1991 al 2004
  • Socio ORDINARIO con abbonamento a “La Nuova Ecologia” (€ 30,00)
  • Socio ORDINARIO (€ 20,00)
  • Socio SCUOLA E FORMAZIONE con abbonamento a “La Nuova Ecologia” (€ 30,00)
  • Socio SCUOLA E FORMAZIONE (€ 20,00)
  • Socio SOSTENITORE con abbonamento a “La Nuova Ecologia” + il volume “Ambiente Italia” (€ 80,00)
  • Socio SOSTENITORE solo il volume “Ambiente Italia” (€ 70,00)
  • Tessera COLLETTIVA con abbonamento a “La Nuova Ecologia” (€ 50,00)
  • Tessera COLLETTIVA (€ 40,00)

Potete associarvi venendo di persona nella nostra sede in via Bizzozero 19, 43123 PARMA (orari lun-ven 14.30-18.30).

 

Incontro sulla Valutazione di Impatto Ambientale dell’ampliamento dell’aeroporto

Legambiente, assieme a WWF e ADA Associazione Donne Ambientaliste, organizzano giovedì 8 novembre alle ore 21 al teatro parrocchiale di Baganzola un incontro per discutere dell’ampliamento dell’aeroporto Verdi ora sottoposto alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA).

Le associazione ambientaliste – che, come loro abitudine, anche questa volta lasciano ad altri gli agi del salotto, per agire concretamente sul territorio a difesa dell’ambiente, della popolazione e della legalità – hanno formato un gruppo di lavoro per redigere le Osservazioni alla VIA per l’allungamento della pista aeroportuale.
L’assemblea ha lo scopo di informare sullo stato di avanzamento della VIA e raccogliere spunti e contributi. Da una prima lettura sommaria dei documenti, molti sono i punti interrogativi aperti, per gli abitanti: dall’impatto acustico all’aumentato rischio della navigazione aerea, senza considerare l’ulteriore cementificazione del territorio.

L’incontro sarà anche l’occasione per fare il punto sul cantiere del centro commerciale Parma Urban District attualmente sotto sequestro da parte della Magistratura.

Integrazione all’esposto sull’incompatibilità del centro commerciale in zona aeroporto

Legambiente, assieme a WWF e ADA Associazione Donne Ambientaliste, ha depositato un’integrazione all’esposto sull’incompatibilità del mega centro commerciale di Baganzola rispetto alle zone di tutela del rischio previste per gli aeroporti. Incompatibilità che ha già portato al sequestro del cantiere, da parte della Guardia di Finanza su ordine della Procura della Repubblica.

L’integrazione si basa su documentazione relativa a carteggi tra Comune di Parma ed Enac (Ente Nazionale Aviazione Civile) che solo recentemente le associazioni ambientaliste hanno avuto modo di visionare. Una interlocuzione tra i due enti pubblici che evidenzia le forti difformità di vedute sull’applicazione della normativa, con il Comune sostanzialmente sordo ai richiami di Enac sul rischio aeroportuale. Continua a leggere

Sequestro del mall: le “relazioni pericolose” sono venute a galla. Ora la città si interroghi

Siamo onorati che la Procura della Repubblica(nel link il comunicato del sequestro del mall) abbia dato ascolto al nostro esposto del giugno scorso. L’inchiesta della magistratura accoglie in pieno tutti i dubbi che Legambiente aveva avanzato sulla legittimità del mall – mega centro commerciale di Baganzola, rispetto all’assente piano di rischio aeroportuale del “Verdi”. Non a caso le chiamavamo “relazioni pericolose” .

(Foto di Marco Vasini tratta dal sito parma.repubblica.it)

Continua a leggere

Sull’inceneritore nulla cambia, Legambiente insoddisfatta

Sull’inceneritore nulla cambia, Legambiente insoddisfatta.

Richiesta di istituire un Osservatorio di controllo. 

Legambiente è insoddisfatta dell’accordo raggiunto tra istituzioni e Iren. Cambiare tutto, nella forma, perché nulla cambi nella sostanza.  Il nuovo accordo per l’inceneritore ricorda le parole di Don Circostanza, l’avvocato di Fontamara, romanzo di Silone: mettete 10 lustri invece di 50 anni e vedrete che i cafoni si calmeranno. Ma i cittadini di Parma non sono cafoni che possono essere presi in giro con giochi di parole. Continua a leggere